venerdì, 10, Luglio, 2020

Unghia incarnita, una piccola seccatura da non sottovalutare

Sarà capitato a molti di osservare come la crescita di un’unghia dei piedi avvenga in modo così sbagliato da impiantarsi all’interno del tessuto che la circonda provocando fastidio prima e dolore poi. Tutte le scarpe fanno male e persino senza, risulta difficile camminare. Siamo in presenza di quella che chiamiamo unghia incarnita. Un apparente piccolo problema che però va risolto in maniera radicale prima che degeneri

Aggiornato al:

Autore:

Categoria:

Si definisce onicocriptosi e non è il titolo del nuovo romanzo di Dan Brown, come la parola cripto potrebbe farci pensare, ma è il termine tecnico-scientifico per indicare la più comunemente chiamata unghia incarnita.
Il termine ci suggerisce come deve essere un’unghia per definirsi in questo modo e cioè all’interno della carne. Onicocriptosi, infatti, significa “unghia nascosta”.
Molta gente sostiene di essere affetta da unghia incarnita nel momento in cui ha un’unghia costantemente dolente. In realtà esistono una miriade di affezioni delle dita dei piedi che possono causare dolori a volte invalidanti e determinano quella che si definisce onicoalgia.
Quando un unghia del piede fa male, l’unico modo per capire di che si tratta è andare dal podologo che andrà ad eseguire un esame obiettivo per capire la natura di questo dolore e cosa esattamente lo provoca. Spesso questo dolore è dovuto ad una calzatura scorretta che ha oppresso l’unghia fino a renderla dolente anche a piede nudo. In altri casi ci sono problematiche morfologiche della lamina ungueale, che siano congenite o acquisite poco importa: l’unghia farà così male da provocare un dolore invalidante. Ma ancora non si parla di unghia incarnita.
In realtà l’unico momento in cui si presenta al nostro cospetto un’onicocriptosi è quando la lamina ungueale ha perforato la pelle, è andata in profondità provocando una lesione che non va incontro a guarigione spontaneamente perché è ostacolata dall’unghia stessa. Se non interviene il podologo con un taglio della spicula (la porzione della lamina ungueale che si trova sotto cute) la ferita non potrà chiudersi.

In molti casi il paziente ricorre al fai-da-te o a figure legalmente e tecnicamente non preparate. Alcuni fortunati risolvono momentaneamente il problema determinando però la crescita di una lamina ungueale amorfa che darà problemi successivamente. Il taglio dell’unghia deve essere lungimirante perché deve tener conto della sua futura crescita.
Nei casi più avanzati l’unghia incarnita produce un granuloma che farà sanguinare la parte più del dovuto. Ai nostri occhi appare come un’escrescenza rosso vivo. È di natura infiammatoria ed è lì solo perché il nostro corpo cerca di risolvere in maniera del tutto naturale l’infezione. Purtroppo, se non eliminiamo la causa del granuloma, cioè la  “spicula”, il granuloma non andrà mai via.
Il podologo tagliando la porzione interessata di lamina ungueale va a liberare il granuloma che spesso non è solo esterno ma si trova anche sotto una parte di lamina. Liberandolo e medicandolo dovutamente tenderà a sgonfiare e, nel momento in cui l’unghia ricrescerà dove natura comanda, il paziente ritornerà ad avere una lamina sana.
Nel momento in cui l’unghia si risana bisogna poi evitare la recidiva, cioè che ritorni a crescere in maniera sbagliata. Analizzando il caso si capirà se il problema è estrinseco, cioè è stato causato da un taglio scorretto e quindi non si dovrebbe ripresentare, oppure se c’è una morfologia patologica da correggere.
Se il problema è causato da un eccessivo scontro tra due dita adiacenti, basterà separarle tramite un’ortesi in silicone preparata su misura dal podologo. Nel caso in cui la morfologia patologica riguarda la lamina ungueale, che cresce incurvata, si ricorre alla rieducazione  tramite dei presidi come l’ortonixia. Basterà posizionare un filo in titanio sulla lamina con l’ausilio di una resina e grazie ad una trazione lenta e spontanea l’unghia ritornerà della naturale curvatura.
Ovviamente l’unghia è lenta nella ricrescita e quindi per arrivare a risoluzione ci vorrà qualche mese ma si arriverà a risolvere. È lo stesso principio del più conosciuto apparecchio dei denti… ma sono sicura che nessuno pensava esistesse una pratica così moderna anche per i piedi.

Dott.ssa Marianna D’Armetta – Podologa

Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo!

Rimani sempre aggiornato, seguici...

306FansMi piace
Marianna D'Armetta
Marianna D'Armetta
Dott.ssa in Podologia, esercita la professione a Palermo. IMPORTANTE!: I contenuti dell'articolo hanno uno scopo esclusivamente informativo e non sostituiscono in alcun modo l’intervento o l’opinione del medico o la sua diagnosi in relazione a casi concreti. Conseguentemente si consiglia in ogni caso di contattare il medico di fiducia.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Scrivi il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare...

Olio extravergine di oliva

Usato con la giusta moderazione e possibilmente a crudo, l’olio extravergine di oliva possiede numerosi benefici per la salute. Perché non bisogna eccedere nel suo...

Dolore al polso da mouse

Quante volte ti svegli al mattino e avverti un senso di pesantezza alla mano destra, l’articolazione del polso ti  duole, le dita sono intorpidite ed...

Soffro di ipertensione cosa devo mangiare e cosa devo evitare

Ho scoperto casualmente di avere la pressione alta e il medico curante mi ha suggerito che per prima cosa devo cambiare l'alimentazione. Mi ha...

L’impianto di Loop Recorder

Caro Saverio, dopo diversi episodi di svenimento, mi è stato consigliato di mettere un Loop Recorder. Il dottore mi ha spiegato di cosa si...

Salute e benessere, tra informazione e disinformazione: a chi credere?

Mia suocera ogni tanto mi informa allarmata: “Hai sentito? Quel prodotto è cancerogeno” oppure "Quel cibo fa abbassare il colesterolo” o ancora che "bere...

Si può vivere la coppia senza il sesso?

Un'indagine della Federazione europea di sessuologia svela una notizia curiosa: il 40 per cento delle coppie sta insieme senza fare sesso. La coppia è un...

Ablazione transcatetere (ATC)

L'ablazione transcatetere, chiamata ATC, è una procedura che si mette in atto per eliminare definitivamente numerose aritmie cardiache che oltre a costringere chi ne...

Unghia incarnita, una piccola seccatura da non sottovalutare

Si definisce onicocriptosi e non è il titolo del nuovo romanzo di Dan Brown, come la parola cripto potrebbe farci pensare, ma è il...