lunedì, 6, Dicembre, 2021

Ticket Sanitari in Sicilia

Aggiornato al:

Autore:

Categoria:

Ticket sanitariDal gennaio 2012, è cambiata la legge che regola la partecipazione dei cittadini alla spesa sanitaria: il ticket sui farmaci e sulle visite specialistiche ambulatoriali.

Come ottenere l’esenzione dal ticket sanitario

Hanno diritto all’esenzione dal ticket sanitario per reddito:

– E01soggetti di età inferiore a 6 anni o superiore a 65 anni, appartenenti ad un nucleo familiare (nucleo familiare fiscale) con reddito complessivo non superiore a 36.151,98 euro;

– E02disoccupati e loro familiari a carico appartenenti ad un nucleo familiare (nucleo familiare fiscale) con un reddito complessivo inferiore ad 8.263,31 euro, incrementato fino a 11.362,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico (si considerano disoccupati i soggetti regolarmente iscritti negli elenchi dei Centri per l’Impiego e che hanno perso una precedente attività lavorativa alle dipendenze; sono quindi esclusi i soggetti in cerca di prima occupazione);

– E03titolari di assegno (ex pensione) sociale e loro familiari a carico;

– E04titolari di pensione al minimo, di età superiore a 60 anni e loro familiari a carico, appartenenti ad un nucleo familiare (nucleo familiare fiscale) con reddito complessivo inferiore a 8.263,31 euro, incrementato fino a 11.362,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico.

Hanno diritto di esenzione per patologia coloro che soffrono di patologie per le quali è prevista una esenzione ticket per eseguire visite mediche ed esami attinenti la malattia e gli eventuali farmaci da assumere.

Per informazioni aggiornate e modalità di accesso alle esenzioni rivolgersi al medico curante o all’ASP 6 – Sezione Ticket sanitari

Alcune considerazioni personali

Oggi, non pagano il ticket i pensionati col minimo di pensione e coloro che sono disoccupati (che hanno perso il lavoro, mentre dovranno pagare coloro che non hanno mai lavorato: qual è la differenza qualcuno me lo spieghi!) e poi tutti coloro che hanno meno di 6 anni o più di 65 anni a patto che non superino il reddito di 36.152 € annui.
IN PRATICA: un pensionato che riceve fino a 36.000 € lordi l’anno, circa 2000 € netti al mese!, non paga alcun ticket. Un padre di famiglia (magari in cassa integrazione) con 2, 3, o più figli, che guadagna 800 € al mese (o anche meno) dovrà pagare.
Sembra proprio un’ingiustizia, ma così è.
Il ticket dovrebbe essere pagato facendo un calcolo sul reddito effettivo delle famiglie rispettando le fasce più deboliSoprattutto per tutte quelle famiglie che già soffrono per tirare avanti in questi periodi difficili e che devono sottostare a ulteriori spese proprio quando hanno più bisogno, cioè nei momenti della malattia. Già, perché si ha bisogno di farmaci e visite specialistiche proprio quando si è ammalati. I nostri politici, forse lo hanno dimenticato. 
Ma dove sono i sindacati? Dove sono le Associazioni che si occupano di difendere i diritti dei cittadini?Saverio Schirò

Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo!

Rimani aggiornato, seguici...

323FansMi piace

Vuoi scrivere?

Condividi la tua esperienza professionale: scrivi un articolo e fai crescere la comunità. Scopri come! ⎆
Saverio Schirò
Saverio Schirò
Curo questo sito condividendo 40 anni di esperienza in campo sanitario: vent'anni come infermiere tra gli ammalati e altrettanti come tecnico di Elettrofisiologia e controlli pacemaker e defibrillatori

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Scrivi il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare...