martedì, 8, Settembre, 2020

Rischi durante l’impianto di un pacemaker o defibrillatore

Aggiornato al:

Autore:

Categoria:

Trattandosi di un intervento chirurgico, anche l’impianto di un pacemaker o di un defibrillatore comporta alcuni rischi. Sono molto rari e quasi tutti si risolvono immediatamente o dopo una semplice cura.
Nel consenso informato, che verrà firmato prima dell’impianto, come prevede la legge, saranno elencati tutte queste possibilità e a leggerle, a volte ci si può impressionare. Ma non bisogna avere paura perché sono evenienze davvero rare e in ogni caso il medico ed il personale infermieristico saranno in grado di affrontarle con competenza e grande professionalità .

Gli eventi che possono verificarsi durante la procedura possono essere di una certa gravità, come una aritmia, anche pericolosa, o una emorragia; la rottura di una vaso sanguigno o la perforazione del polmone. Sono eventi rarissimi ma possibili, che di solito vengono risolti seduta stante o nei giorni successivi.
Altri eventi indesiderati possono avvenire dopo la procedura, nei giorni successivi oppure dopo mesi o anni.

Infezione della tasca

Una cute eccessivamente arrossata o dolente, vicino la sede dell’impianto, con o senza presenza di febbre, potrebbe essere segno di una infezione. Ovviamente si deve tornare in ospedale per un controllo. Il medico valuterà il da farsi e l’eventuale prescrizione di una terapia con antibiotici.
Un leggero gonfiore nei giorni successivi all’impianto può essere normale e riassorbirsi lentamente nel giro di qualche giorno o qualche settimana. 

Deiscenza della tasca

Si tratta di una erosione della cute sopra il pacemaker. Una pelle molto sottile, un deperimento organico, uno stato di malattia o una infezione sopraggiunta, possono ledere la cute fino alla fuoriuscita del pacemaker. Non bisogna arrivare a questo punto: se la pelle si arrossa eccessivamente o diventa nerastra e malsana bisogna recarsi subito al centro e farsi controllare dal medico.

Spostamento degli elettrodi all’interno del cuore

Questa evenienza può capitare perché gli elettrodi vengono “ancorati” al tessuto cardiaco grazie a minuscole barbe di silicone che fuoriescono alla sua estremità oppure con una piccolissima vite di pochi millimetri. Normalmente, questi ancoraggi sono sufficienti e dopo alcuni mesi è lo stesso tessuto cardiaco che “ingloba” gli elettrocateteri impedendo che si spostino; ma talvolta, specie nei primi tempi, movimenti eccessivi del paziente o eventi non sempre dimostrabili, fanno spostare i cateteri dalla sede di impianto causando un cattivo funzionamento del sistema. Si scoprono per un ripresentarsi dei sintomi che si accusavano prima dell’impianto oppure durante il controllo ambulatoriale.
Molte volte il difetto si può correggere semplicemente con una programmazione differente, altre volte invece (ma più raramente) sarà necessario un reintervento chirurgico per rimettere a posto gli elettrocateteri.

Spostamento del pacemaker dalla sede di impianto

Anche questo può verificarsi, specie in seguito a dimagrimento eccessivo, ma è davvero raro e di solito non comporta alcun problema. Se lo spostamento è eccessivo potrebbe essersi verificato che i fili che legano i cateteri al tessuto si siano staccati: in questo caso va verificato il corretto funzionamento del sistema.
Che il pacemaker si muova sotto la pelle o sotto le dita (anche se è preferibile non toccarlo troppo, né sfregarlo, né maltrattarlo in alcun modo) è assolutamente normale e, di solito, indica che l’alloggiamento dentro la tasca è corretto.

Guasto del dispositivo

E’ davvero rarissimo perché tutti i pacemaker sono altamente affidabili. Ovviamente bisogna tener conto che sono comunque dei dispositivi elettronici e come tali potrebbero presentare dei malfunzionamenti: non erogare lo stimolo, non sentire il battito cardiaco spontaneo, scaricarsi precocemente. I pacemaker vengono controllati nel loro funzionamento a livello mondiale, cosicché se una serie di produzione ha mostrato qualche difetto, l’azienda produttrice avvisa immediatamente tutti i Ministeri Sanitari e tutti i Centri Cardiologici vengono avvisati. In questo modo, i pacemaker a rischio, vengono controllati più attentamente e se è il caso sostituiti. Dunque massimo controllo e massima sicurezza.

Saverio Schirò

Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo!

Rimani sempre aggiornato, seguici...

309FansMi piace
Saverio Schirò
Saverio Schirò
Infermiere esperto in Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione, curatore del Sito.

2 Commenti

  1. salve.. ho un Pacemaker impiantato nel 2004. Ho 57, anni. Ho sempre lavorato in fabbrica metal meccanica e non ho mai detto niente perciò nessuno lo sa. Il mio problema è che adesso mi trovo molto stanca e non so come fare a x chiedere un cambio mansione senza dover dire altro. Il mio lavoro attuale è relativamente pesante. Cosa fare? La ringrazio, a presto.

    • Buonasera. Per il tuo problema non so davvero cosa dirti. Dovresti semplicemente avvisare l’azienda dove lavori che sei portatrice di pacemaker.
      Per la stanchezza ti suggerirei di farti controllare il pacemaker, perché se è lo stesso del primo impianto, potrebbe essere scarico e questo spigherebbe la tua stanchezza.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Scrivi il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare...

L’emicrania e la sua genesi

L’emicrania è una patologia neurologica cronica caratterizzata da ricorrenti cefalee (volgarmente chiamati “mal di testa”), che può andare da moderato a grave, spesso associandosi...

“Mal di cuore”: la sindrome di Tako-Tsubo

Si chiama cardiomiopatia Tako-Tsubo ed è un disturbo frequentemente correlato a stress psicofisico tanto da essere conosciuta come "sindrome da crepacuore". Caratterizzata dalla disfunzione...

Infezione da funghi alle unghia (onicomicosi): come riconoscerla e come curarla

Come si riconosce una onicomicosi L’onicomicosi è un’infezione da funghi che può riguardare una o più unghie. A volte comincia con una macchia bianca o...

Virus Cinese: cosa sappiamo e come difenderci

24 gennaio 2020 C’è tanta apprensione nel mondo per il diffondersi del contagio di questo virus che ha già colpito in Cina più di 1400...

La tachicardia ventricolare (TV)

La tachicardia ventricolare (TV) è una forma di aritmia grave che si genera all'interno del cuore, da uno dei due ventricoli. Si tratta di...

Volete bambini sani e forti? Le dieci regole per educare… i genitori!

Negli ultimi 15 anni sono state pubblicate statistiche allarmanti circa il continuo aumento di disturbi psicologici nei bambini, che vivono in uno stato psico-fisico...

Ipertrofia prostatica benigna (IPB): se la conosci la curi meglio!

L’ipertrofia (o iperplasia) prostatica benigna (IPB) si manifesta con un ingrossamento della prostata, una piccola ghiandola, presente solo negli uomini, e che serve a...

Come disintossicarsi in maniera naturale: acqua, zenzero e limone, benefici e proprietà

Fresca, drenante, disintossicante, una bibita fatta da acqua, zenzero e limone è un'ottima ricetta per la salute. Zenzero e Limone: scopriamo insieme alcune delle loro proprietà Lo...