domenica, 13, Settembre, 2020

Vuoi scoprire la personalità di chi ti dorme accanto? Osserva la posizione del suo corpo

La posizione scelta per dormire non è un atto consapevole ma è influenzata dalla nostra personalità. 

Aggiornato al:

Autore:

Categoria:

Gli esperti del sonno sono del parere che fisiologicamente parlando la posizione del corpo ideale per dormire è distesi su di un fianco, le gambe leggermente ripiegate con la testa appoggiata su un cuscino abbastanza basso da permettere di allineare la testa alle spalle. I cuscini alti infatti non fanno bene alla nostra cervicale perché costringono il collo in un’angolatura innaturale. Dormire poi in pozioni differenti da questa, porterebbe a fenomeni di russamento ed apnee del sonno dal momento che alcune posture ostacolerebbero la libera circolazione dell’aria.
Ma di fatto, a quanto pare, la posizione scelta per dormire non è un atto consapevole ma è influenzata dalla nostra personalità. Da svegli possiamo controllare il nostro corpo ed i nostri gesti, ma quando dormiamo, senza il controllo consapevole, esprimiamo il lato inconscio di noi stessi.  Sembra strano, ma di solito ciascuno di noi, quando dorme, assume quasi sempre la stessa posizione. E normalmente la mantiene per tutto il tempo. Significherà qualcosa? Pare proprio di sì, come testimoniano vari studi del settore.
Con leggere varianti,  le posture che più o meno tutti assumiamo quando siamo abbandonati tra le braccia di Morfeo sono essenzialmente 6, e adesso cercheremo di analizzarle seguendo i risultati di una ricerca di alcuni anni fa eseguita dal Centro Sleep Assessment and Advisory Service di Londra.

Posizione fetale

Assume questa posizione chi tende ad addormentarsi rannicchiato in se stesso, cioè sollevando e piegando le ginocchia come quando era nel grembo materno. Ama rimanere avvolto nelle coperte o nel lenzuolo anche se fa caldo ed a volte abbraccia un cuscino.
Il 41% delle persone preferisce una posizione simile ed è facile comprendere che a livello psicologico ricerca una sorta di protezione da un mondo che percepisce ostile. Per questo dormendo tende a racchiudersi dentro di sé nascondersi all’interno di una reminiscenza ancestrale. Queste persone esteriormente sembrano sicure di sé, a volte anche aggressive, ma è solo un meccanismo di difesa per mascherare una certa fragilità emotiva e una insicurezza. Sono persone riflessive e ordinate che stentano ad aprirsi al primo incontro, ma poi si lasciano andare e si rilassano anche se rimangono tendenzialmente riservate e chiuse nei loro pensieri.

Sdraiati su di un fianco a gambe unite e braccia distese

Come gli altri, anche chi assume questa posizione tende a mantenerla tutta la notte, per cui la mattina si sveglia un po’ ingrippato e con le coperte praticamente ancora rimboccate.
Si tratta di persone affabili, socievoli ed estroverse. A volte anche troppo, fino ad un pizzico di ingenuità. La grande apertura al prossimo, anche se appena conosciuto, è il sintomo di un certo bisogno di approvazione per questo amano stare in gruppo, conoscere nuove persone e fare esperienze nuove. Un carattere così disponibile che non è raro rimanere vittima di delusioni, perché si appare più deboli di quello che realmente si è e gli altri tendono ad approfittarne. Sono circa il 15% a prediligere questa posizione.

Sdraiati su di un fianco a gambe unite e braccia in fuori

È una variante della posizione precedente e ne mantiene i tratti caratteriali essenziali ma con delle differenze. Infatti chi predilige questa posizione è sicuramente una persona affidabile, aperta e disponibile, tuttavia è meno ingenua. Anzi denota a volte una carattere cinico e sospettoso. Non è raro che assuma anche una posizione intermedia a quella fetale chiudendo le braccia verso il petto in segno di protezione e difesa. Infatti sono persone disponibili a nuove esperienze e nuovi incontri ma con un pizzico di riserva ed infatti non sono facili a prendere decisioni e lasciarsi andare, ma quando lo fanno difficilmente cambiano parere. Il 13% ama assumere questa posizione quando dorme.

Supina con le braccia lungo i fianchi e le gambe dritte (posizione del soldato)

Sono circa l’8% delle persone ad assumere questa posizione e soprattutto la prediligono gli uomini. Indica un carattere forte e sicuro di sé. Chi dorme in questa posizione, nella vita quotidiana appare riservato e tranquillo ed è frutto di una scelta consapevole: infatti si tratta di persone che sanno mantenere un certo autocontrollo e mascherare molto bene le emozioni. Per questo appaiono a volte fredde e schematiche ma è più frutto di una apparenza che di una sostanza.
Nella variante a pancia in aria, ma abbracciando un cuscino, denotano una certa propensione ad accogliere gli altri. Sono buoni “ascoltatori” e per questo sono persone benvolute, tuttavia mantengono una certa insicurezza personale ed infatti sono persone che non amano stare al centro dell’attenzione.

A pancia sotto abbracciando un cuscino

Posizione prediletta dal 7% del campione. Solitamente il capo è rivolto da un lato. A volte le braccia sono distese lungo i fianchi.
Pare che chi assume questa posizione sia tendenzialmente una persona genuina e spontanea. A volte appare scrupolosa e precisa nel lavoro fino alla pedanteria. Possiedono un carattere esternamente forte e sicuro di sé ma che spesso è solo di facciata, perché internamente possono essere persone piuttosto fragili e facili all’ansia. Ma non vogliono darlo a vedere e se minacciate di essere scoperte potrebbero diventare nervose e permalose.  Non amano le critiche e scansano le emozioni che non possono gestire. Per questo a volte alcuni rimangono al limite a guardare senza osare addentrarsi in esperienze che temono stressanti.

Sul dorso, con braccia e gambe spalancate (posizione a stella)

Possono coprirsi con lenzuola e coperte fino al collo, ma i piedi devono averli scoperti ed il pigiama sempre leggero. È la posizione preferita di quelle personalità leggere, aperte, quasi superficiali. Per questo non temono nulla, perché non sono persone particolarmente riflessive. È la posizione tipica di molti bambini, quelli sereni ed estroversi che hanno un buon rapporto con i genitori.
Gli adulti che assumono questa posizione, normalmente, sono quelli che rimangono un po’ bambini dentro, socievoli e semplici, ma a volte pieni di atteggiamenti capricciosi che non si addicono all’età.  Ma poco importa, tanto loro non se ne fanno un problema.
Il 5% delle persone assume questa posizione, ma sono quelli che in fondo sono i più irrequieti e cambiano spesso.
E tu, come dormi?

Saverio Schirò

Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo!

Rimani sempre aggiornato, seguici...

310FansMi piace
Saverio Schirò
Saverio Schirò
Infermiere esperto in Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione, curatore del Sito.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Scrivi il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare...

Ablazione transcatetere (ATC)

L'ablazione transcatetere, chiamata ATC, è una procedura che si mette in atto per eliminare definitivamente numerose aritmie cardiache che oltre a costringere chi ne...

Farmaci in estate: dieci regole fondamentali

Dai rapporti annuali dell’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) si registra che ogni cittadino italiano in media assume quasi due farmaci al giorno, senza considerare...

Volete bambini sani e forti? Le dieci regole per educare… i genitori!

Negli ultimi 15 anni sono state pubblicate statistiche allarmanti circa il continuo aumento di disturbi psicologici nei bambini, che vivono in uno stato psico-fisico...

Farina integrale o raffinata: impariamo a scegliere

Spesso sentiamo parlare di differenze sostanziali tra farina integrale o quella raffinata. Molto dipende dalla differenza dei cereali da cui viene prodotta. La possibilità...

Privacy Policy

Chi siamo L’indirizzo del nostro sito web è:  http://curarsi.palermoviva.it. Curarsi a Palermo è un servizio offerto da palermoviva.it il Portale di Palermo. Potrai trovare i servizi sanitari...

Dimagrire correndo

Secondo quanto scoperto da un gruppo di ricercatori danesi , se si vuole dimagrire, bastano solo mezz’ora di corsa, di cyclette o semplicemente di...

Strategie per combattere l’Emicrania

Può essere un vero e proprio tormento. Colpisce oltre sei milioni di italiani e compare soprattutto tra i 15 e i 55 anni, manifestandosi...

L’emicrania e la sua genesi

L’emicrania è una patologia neurologica cronica caratterizzata da ricorrenti cefalee (volgarmente chiamati “mal di testa”), che può andare da moderato a grave, spesso associandosi...