sabato, 28, Novembre, 2020

La vista nei bambini: sviluppo, prevenzione e problemi più comuni

Occuparsi della vista dei bambini in età scolare è fondamentale per una crescita psico motoria corretta. Ecco come fare!

Aggiornato al:

Autore:

Categoria:

Quanto sia importante la vista non occorre neppure dirlo, nei bambini anche di più, perché è l’occhio che li mette in comunicazione con il mondo esterno proprio nella fase delicata della vita, cioè quando cominciano a conoscere persone ed oggetti e più tardi a socializzare nel periodo della scuola.

Lo sviluppo della vista nel bambino fino all’età scolare

Alla nascita l’occhio è già sviluppato, ma la funzione visiva è immatura. Si andrà sviluppando nei primi mesi di vita con la maturazione della macula. In questa fase il bambino vede poco e vede il mondo in bianco e nero ⇒ Lo sviluppo della vista nel primo anni di vita.
Tra il primo e il terzo anno di vita lo sviluppo della vista procede velocemente.
Dai 3 ai 4 anni il bambino acquisisce una migliore coordinazione occhio-mano affinando le  capacità motorie, processo che può essere facilitato anche grazie a giochi come puzzle o costruzioni. La memoria visiva aiuta il bambino a copiare forme come un cerchio durante il disegno: è giunta l’età della scolarizzazione.
A 4-6 anni il bambino riconosce lettere e oggetti. Inizia ad imparare l’alfabeto e sviluppa la capacità di lettura. Una migliore convergenza (occhi che si muovono insieme) lo aiuta a seguire le parole da sinistra a destra attraverso la pagina.
Quando entrambi gli occhi lavorano bene insieme la percezione della profondità è completamente sviluppata. Questo aiuta un bambino a valutare le distanze tra gli oggetti e se stesso. Un bambino con una buona percezione della profondità si sente a suo agio nel praticare sport o semplicemente nel muoversi con sicurezza.
Verso i 6 anni la vista del bambino può considerarsi completa e, in assenza di problemi visivi, egli vede 10 decimi. In questa fase della crescita possiede una normale percezione dei colori e una buona visione stereoscopica, riesce cioè a riconoscere bene persone, oggetti e tutto il resto.
È chiaro che ogni bambino sviluppa tutte queste funzioni con un ritmo diverso, per cui anche se i ritardi possono essere normali, è bene discuterne con il medico oculista se qualche dubbio assilla i genitori.

Come valutare se un bambino ha problemi alla vista? Quando è necessaria la visita oculistica

Bambino con gli occhialiIn via generale, bisogna prestare attenzione se il bambino tende ad inclinare la testa, sbatte le palpebre o strizza gli occhi mentre impara a leggere. Ma ci sono altri indizi abbastanza sospetti:

  • Si avvicina troppo ad un oggetto per guardarlo.
  • Ha spesso mal di testa.
  • Ha spesso gli occhi arrossati o che lacrimano.
  • Compie frequenti errori di lettura.
  • Esce dalle righe quando scrive.
  • A scuola sembra pigro, svogliato, poco attento.
  • Devia l’occhio in modo costante o incostante.
  • Presenta un riflesso biancastro della pupilla.
  • Ha un occhio più sporgente dell’altro.
  • Soffre di fastidio alla luce.

Problemi comuni di visione nell’età pediatrica

Visita oculisticaGli errori di refrazione sono molto comuni anche in età pediatrica per questo bisogna prestare attenzione alla vista dei nostri bambini sin da quando sono piccoli. I difetti della vista causano una visione offuscata e vanno corretti con gli occhiali. Ci sono tre principali errori di rifrazione:

  • Ipermetropia: gli oggetti vicini sono sfocati (come durante la lettura) e gli oggetti distanti sono visti in maniera più nitida. La maggior parte dei bambini è ipermetrope da un livello minimo a moderato, ma questo è fisiologico;
  • miopia: un bambino vede gli oggetti vicini più chiaramente di quelli distanti;
  • astigmatismo: con l’astigmatismo, la visione da vicino e da lontano sono sfocate.

Gli errori di refrazione possono essere isolati o presentarsi contemporaneamente. Vanno corretti con l’uso di occhiali al più presto, prima per consentire al bambino di non subire un deficit di apprendimento e sviluppo e poi perché senza trattamento, gli errori di refrazione possono portare a problemi di vista più gravi.

Altri problemi possibili nella vista di un bambino sono lo Strabismo, che si manifesta se gli occhi non sono allineati e puntano in direzioni diverse. Affinché una visione sana si sviluppi nell’età adulta entrambi gli occhi devono lavorare insieme.
L’Ambliopia o (occhio pigro), che  si verifica quando uno o entrambi gli occhi non sviluppano una vista normale durante l’infanzia.
Problemi agli occhi come strabismo o errori di refrazione impediscono all’occhio di vedere correttamente e questo molto spesso porta ad un occhio pigro.

È improbabile che un bambino dica che la sua visione è sfocata. E spesso, un genitore non si accorge dei segni di strabismo, ambliopia o errori di refrazione. Questo è il motivo per cui è così importante eseguire lo screening per le malattie oculari durante questi anni critici.

Suggerimenti per aiutare la vista del bambino durante la crescita: capacità visive e giocattoli

Puzzle, mattoncini, tavolette e giocattoli simili sono fondamentali favorire la coordinazione occhio-mano. Anche la pratica di costruire bracciali e collane infilando le perline in un filo aiuta tantissimo i più piccoli ad esercitare la coordinazione.
Le arti grafiche come Pittura e disegno aiutano la vista, la dimensione spaziale e la conoscienza della tavolozza cromatica.
Risulta anche utile alla vista dei bambini giocare con una palla morbida e sicura;

Ovviamente la vista oltre che curata va protetta a cominciare dall’attenzione quando usano giocattoli potenzialmente dannosi, con punte o asperità che potrebbero ferire gli occhi. È inoltre buona abitudine proteggere gli occhi quando si è in estate e all’aperto con idonei occhiali da sole e cappellini per i più piccoli. E soprattutto non esitare mai a rivolgersi al proprio oculista di fiducia per ogni dubbio o problema concernente la vista dei bambini ed eseguire regolari visite oculistiche di controllo.

Dr. Gregorio Lo Giudice, Oculista

Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo!

Rimani sempre aggiornato, seguici...

309FansMi piace
Gregorio Lo Giudice
Gregorio Lo Giudice
Medico Oculista ARNAS Ospedale Civico di Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Scrivi il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare...

Il prurito, cause e rimedi

Il prurito e chi non lo conosce? Quella sgradevole sensazione cutanea che induce a grattarsi con insistenza a volte insopportabile. Dal punto di vista...

Il pacemaker senza fili: tutto quello che c’è da sapere

Da qualche anno è stato progettato, messo in commercio ed impiantato un pacemaker senza fili. Non si impianta sotto la pelle ma direttamente all'interno...

Gli allarmi nei defibrillatori impiantabili

I moderni defibrillatori impiantabili svolgono la maggior parte delle loro funzioni in modo automatico. Percepiscono l'attività cardiaca, battito a battito, pronti ad intervenire se...

Cistite: sintomi, cause e cure

Che cos’è la cistite? Si definisce cistite, l'infiammazione della vescica (in greco Cystis), l'organo dell'apparato urinario dove viene raccolta l'urina prima della sua espulsione all'esterno....

Normali, in sovrappeso o obesi?

Oggi si parla sempre di più di forma fisica, diete e alimentazione corretta, ma prima di tutto è importante capire se il nostro peso...

Prevenzione del Tumore colon-rettale, un semplice gesto può salvarti la vita

Quando si parla di cancro vengono i brividi, i numeri sono impressionanti e in questi ultimi tempi il fenomeno sembra tornato in primo piano:...

L’impianto di Loop Recorder

Caro Saverio, dopo diversi episodi di svenimento, mi è stato consigliato di mettere un Loop Recorder. Il dottore mi ha spiegato di cosa si...

I cibi che proteggono dal cancro

Il cancro è una malattia genetica ad eziologia multifattoriale risultante dall’interazione tra fattori genetici e fattori ambientali quali: stile di vita scorretto e agenti...