lunedì, 6, Luglio, 2020

La Tecarterapia migliora il dolore sin dalle prime sedute

Aggiornato al:

Autore:

Categoria:

La Tecarterapia è una terapia semplice e non invasiva: sollecita fortemente i meccanismi cellulari e incrementa l’attivazione dei naturali processi riparativi e antinfiammatori, agendo anche sugli strati più profondi. Grazie ai due sistemi, capacitivo e resistivo, la sua azione si può indirizzare alle fasce muscolari e ai sistemi vascolare e linfatico, o più in profondità su tendini, articolazioni, legamenti, cartilagini e tessuto osseo.

mal di schiena

È possibile effettuare l’applicazione immediatamente dopo un trauma o nella fase acuta di un processo infiammatorio, garantendo così buoni risultati in tempi molto rapidi; il dolore diminuisce sensibilmente già dalla prima seduta, e si può associare alla terapia manuale o ad altre tecniche riabilitative. 

L’impiego della tecar è molto utile nelle terapie riabilitative per il recupero di:

  • distorsioni, lesioni tendinee, tendiniti, borsiti, esiti di traumi ossei e legamentosi,
  • distrazioni osteoarticolari acute e recidivanti,
  • artralgie croniche di varia eziologia,
  • patologie muscolo scheletriche come contratture, stiramenti e strappi muscolari, miositi,
  • patologie a carico delle capsule articolari,
  • processi artrosici, lombalgie e sciatalgie.

La sua utilità nei programmi riabilitativi post chirurgici, in particolare dopo interventi di artroprotesi è sicura, viene quindi utilizzata anche in presenza di protesi.

La Tecar è in grado di trattare con efficacia e in tempi brevi le patologie riguardanti ginocchio, spalla, anca, caviglia, colonna vertebrale, mani e muscoli, come pure le patologie dolorose infiammatorie osteoarticolari e muscolari quali artrosi, lombalgie e sciatalgie; infatti, in funzione della problematica da trattare, l’azione può essere prevalentemente mirata alle fasce muscolari, al sistema circolatorio e linfatico, o si può esercitare più in profondità e dunque su tendini, articolazioni, legamenti, cartilagini e tessuto osseo.

Ogni seduta di Tecarterapia ha una durata media di 20 minuti e, in genere, per un ciclo completo di cura, sono necessarie da 5 a 10 sedute. Con questa terapia si possono effettuare sedute di prevenzione e mantenimento.

Attenzione: portatori di pacemaker e defibrillatori impiantati non possono eseguire la tecarterapia per rischio di interferenze.

Dott. Michele Stanzione
Fisioterapista
Riability Fisioterapia 

 

Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo!

Rimani sempre aggiornato, seguici...

306FansMi piace

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Scrivi il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare...

L’eiaculazione precoce: molti ne soffrono e pochi la curano

Chi soffre di eiaculazione precoce, inizialmente non ne fa un dramma: spesso si è giovani, inesperti, si soffre di ansia di prestazione, si ha...

Gli anticoagulanti orali nella Fibrillazione atriale: domande e risposte

Buongiorno, a mia madre, 73 anni, è stata consigliata una terapia anticoagulante orale, dopo che siamo stati al Pronto soccorso per una fibrillazione atriale...

L’emicrania e la sua genesi

L’emicrania è una patologia neurologica cronica caratterizzata da ricorrenti cefalee (volgarmente chiamati “mal di testa”), che può andare da moderato a grave, spesso associandosi...

Le congiuntiviti allergiche

Le congiuntiviti allergiche costituiscono un notevole problema, soprattutto in determinati periodi dove più facilmente si incontrano fattori allergeni come il polline. I pazienti tendono...

I cellulari fanno male? Cosa dice la scienza

Se ne parla da quando l’uso dei cellulari è diventato intensivo. Molti si sono posti la domanda se usare il cellulare può essere causa...

Soffro di ipertensione cosa devo mangiare e cosa devo evitare

Ho scoperto casualmente di avere la pressione alta e il medico curante mi ha suggerito che per prima cosa devo cambiare l'alimentazione. Mi ha...

Attività fisica essenziale per la salute

RACCOMANDAZIONI DELL’OMS SU ATTIVITÀ FISICA E SALUTE Sul fatto che l'attività fisica faccia bene siamo tutti d'accordo. Tuttavia bisogna registrare, secondo i dati dell'OMS (Organizzazione...

Bruciore di stomaco: cause e cura

Il bruciore di stomaco vero e proprio, da non confondere con il dolore addominale, viene detto anche pirosi ed è un sintomo tipico normalmente...