mercoledì, 2, Dicembre, 2020

Infezione da funghi alle unghia (onicomicosi): come riconoscerla e come curarla

Una delle patologie più riferite dai pazienti è l’onicomicosi... peccato che solo il 10% dei piedi presentati come affetti da onicomicosi sia davvero infetto. La gente segue pubblicità ingannevoli che spesso indicano per funghi altri problemi. Le affezioni delle unghie infatti sono molteplici e terapia e guarigione non corrispondono a quelle indicate in TV, dai Social e dalle estetiste.

Aggiornato al:

Autore:

Categoria:

Come si riconosce una onicomicosi
L’onicomicosi è un’infezione da funghi che può riguardare una o più unghie. A volte comincia con una macchia bianca o gialla sotto la punta di un’unghia delle dita delle mani o dei piedi. Quando l’infezione si diffonde in profondità l’unghia perde colore, si ispessisce e sviluppa margini frastagliati provocando dolore.
Le micosi prediligono i piedi per l’ambiente caldo-umido che li riguarda. I funghi che interessano i piedi sono dermatofiti (quelli responsabili delle infezioni dello strato superficiale della cute, le unghie ed i peli) e soprattutto cheratinofili cioè che si nutrono di cheratina. Per questo si possono ritrovare tra le dita ma prediligono le unghie per lo spesso strato di cheratina!
Esistono diverse forme di onicomicosi ed è importante riconoscerle e curarle tempestivamente per evitare la perdita dell’unghia e/o il contagio di quelle vicine.
La diagnosi viene fatta dal dermatologo che nel dubbio può ricorrere ad un esame micologico. Ma anche un bravo podologo sa riconoscere in tempo l’infezione e intervenire subito.
L’intervento più efficace che il podologo mette in atto è il cosiddetto debridment della lamina ungueale, cioè la rimozione della parte di unghia lacerata, devitalizzata e contaminata. Procedura da ripetere periodicamente fino alla completa guarigione. Nel frattempo è necessario trattare il moncone d’unghia per evitare che possibili spore vadano a diffondere l’infezione. È conveniente usare sia un detergente che una soluzione ungueale specifica.
Nei casi più resistenti si ricorre al dermatologo che prescriverà, se lo riterrà necessario, la terapia sistemica con antimicotici come fluconazolo, itraconazolo, terbinafina.

Tipi di onicomicosi
Le infezioni da funghi dell’unghia più diffuse sono:
– l’onicomicosi superficiale bianca
– l’onicomicosi subungueale distale
– l’onicomicosi subungueale prossimale

L’onicomicosi superficiale bianca è la meno grave perché l’infezione interessa solo la superficie dell’unghia. L’onicomicosi subungueale distale e prossimale, invece, interessano il letto ungueale causandone uno scollamento detto onicolisi.
La forma distale è la più comune. Si origina dal margine libero (la parte bianca dalla quale vediamo se le nostre unghie allungano) e si diffonde lungo tutta la lamina ungueale. L’unghia diventa giallo-verde e friabile. Si nota come il micete riesca a corroderla. L’onicomicosi subungueale prossimale inizia dalla matrice dell’unghia ed è diffusa nei soggetti con immunodeficienza in particolare affetti da HIV.

Diagnosi differenziale tra onicomicosi e altre patologie dell’unghia
Da non sottovalutare è la diagnosi differenziale! Per questo al primo posto c’è il dialogo con il paziente. Bisogna indagare su abitudini, incidenti e patologie. Frequentemente viene confusa l’onicomicosi con l’onicodistrofia che può essere causata da traumi, pedicure eccessive o patologie sistemiche (come la psoriasi o il diabete). Ciò accade perché in entrambi i casi si nota un ispessimento della lamina ungueale.
Il colore alterato, lo scollamento, l’ispessimento, i solchi possono ingannarci e dato che la patologia più conosciuta è l’onicomicosi allora crediamo di esserne affetti. Ma non sempre è così e come si capisce, la terapia è differente. Solo il professionista attento può toglierci ogni dubbio o in tutti i casi, come dicevamo sopra, si può ricorrere al test micologico in un laboratorio di microbiologia, facendo attenzione a non incorrere in falsi positivi o falsi negativi… in poche parole: non potete liberarvi del podologo!

Dott.ssa Marianna D’Armetta podologa
Palermo

Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo!

Rimani sempre aggiornato, seguici...

309FansMi piace
Marianna D'Armetta
Marianna D'Armetta
Dott.ssa in Podologia, esercita la professione a Palermo. IMPORTANTE!: I contenuti dell'articolo hanno uno scopo esclusivamente informativo e non sostituiscono in alcun modo l’intervento o l’opinione del medico o la sua diagnosi in relazione a casi concreti. Conseguentemente si consiglia in ogni caso di contattare il medico di fiducia.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Scrivi il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare...

Il diabete: una malattia molto diffusa

Il diabete è ad oggi una malattia altamente diffusa in tutto il mondo. In Italia, ad esempio sono circa 3 milioni che ne soffrono....

Il Tilt Test: a cosa serve e come si esegue

Caro Saverio, sono un po’ preoccupata: mio figlio è svenuto a scuola, e non è la prima volta. Abbiamo fatto indagini che non hanno accertato...

Puntura di zecca: cosa fare?

Chi possiede animali, chi ama fare gite e scampagnate prima o poi avrà a che fare con le zecche. Quegli animaletti piatti piatti, per...

Papilloma virus: conoscerlo per non temerlo

Continua il progetto 'HPV ...conoscerlo per non temerlo', lanciato lo scorso settembre dalla LILT - Lega Italiana Lotta ai Tumori di Palermo, che mette...

Lo stiramento muscolare: sintomi, cause e cure

Lo stiramento è una lesione muscolare dolorosa che spesso colpisce gli sportivi. Chi pratica attività sportiva può facilmente incorrere in uno stiramento muscolare, soprattutto a...

L’emicrania e la sua genesi

L’emicrania è una patologia neurologica cronica caratterizzata da ricorrenti cefalee (volgarmente chiamati “mal di testa”), che può andare da moderato a grave, spesso associandosi...

Allergia al nichel: un metallo nascosto in materiali insospettabili

Un motivo di frequente accesso presso gli ambulatori di allergologia riguarda la sensibilizzazione ai metalli. I pazienti lamentano il più delle volte delle lesioni...