domenica, 19, Gennaio, 2020

Il Kaki, delle sette virtù

Il suo frutto è anche chiamato Mela d’Oriente.

Aggiornato al:

Autore:

Categoria:

Il KAKI o LOTO, secondo i giapponesi: ha una lunga vita (può vivere anche mezzo secolo); l’ombra che offre; l’assenza di nidi fra i suoi rami; il legno inattaccabile dai tarli; le foglie che, indurite dal ghiaccio, diventano un gioco per i bambini; il fuoco alimentato dal suo legno e i frutti che, una volta caduti a terra, diventano ottimo concime.

Il kaki, è un albero originario della Cina, ma è in Giappone che ha avuto maggiore diffusione. Nel nostro Paese il primo albero di Kaki é stato piantato a Firenze, intorno al 1871. E’ una pianta molto resistente alle avversità, da non avere bisogno di particolari trattamenti colturali o antiparassitari. La regione italiana che ne produce di più è l’Emilia, seguita dalla Campania. Una produzione pregiata, ma molto limitata è quella dei cachi di Misilmeri, in Sicilia. I cachi devono la loro dolcezza a una quantità notevole di zuccheri (16%) e alla loro consistenza morbida e cremosa che esalta in bocca la loro dolcezza. Questa caratteristica purtroppo diminuisce l’indice di sazietà e quindi occorre valutare sempre con attenzione le quantità assunte per non esagerare con le calorie: ben 65 kcal per 100 grammi. I cachi risultano pertanto ideali in caso sia necessaria una carica di energia extra.
Contengono una buona quantità di vitamina A e discrete quantità di vitamina C e di minerali, tra cui il potassio. Sono inoltre una eccellente fonte di beta-carotene e criptoxantina e di fibre. Il caco si può considerare un frutto completo sotto tanti punti di vista. Possiede, inoltre, notevoli proprietà terapeutiche sull’apparato intestinale, quali potere astringente contro la diarrea, è ottimo per il trattamento della tosse e del singhiozzo ed ha una efficace funzione diuretica. Dunque, meglio andarci piano se hai qualche problema di peso.
A causa della sua scarsa resistenza dal momento che matura, molto spesso viene raccolto ancora acerbo, ma per far maturare in pochi giorni, il sistema più semplice è quello di mettere i frutti in un ambiente caldo e vicino a frutta come mele, che producono un gas naturale che accelera la maturazione.

Dott. Girolamo Calsabianca

Fonte: www.nellattesa.it – Settimanale d’Informazione Socio-Sanitaria dell’ A.N.I.O. Onlus

Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo!

Rimani sempre aggiornato, seguici...

301FansMi piace

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Scrivi il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare...

Pacemaker, Defibrillatori e interferenze

Fare particolare attenzione all'impianto elettrico e alle prese elettriche domestiche, soprattutto per i portatori di defibrillatore. Se non c'è un'adeguata messa a terra, gli...

La Tecarterapia migliora il dolore sin dalle prime sedute

La Tecarterapia è una terapia semplice e non invasiva: sollecita fortemente i meccanismi cellulari e incrementa l’attivazione dei naturali processi riparativi e antinfiammatori, agendo anche...

Donazioni di organi in Sicilia

Grazie ad un protocollo aumentano le donazioni di organi in Sicilia La donazione degli organi è uno dei gesti che più onorano la persona nei...

Dimagrire… senza soffrire

Forse anche per questo molti si arrendono e si lasciano andare al loro “pesante destino”… almeno non soffrono! In realtà, non è così: magari ci...

Cosa fare dopo aver subito uno stiramento muscolare

Chiunque pratichi un’attività sportiva può facilmente incorrere in uno stiramento muscolare, soprattutto agli arti inferiori. Si tratta di una lesione più o meno estesa,...

Coronarografia, cos’è e come si esegue

La coronarografia è un esame che viene eseguito in cardiologia interventistica da cardiologi specializzati in questa procedura. Che cosa è la coronarografia? La coronarografia (CVG) è...

Studio Elettrofisiologico Transesofageo (SATE)

Lo Studio Elettrofisiologico Transesofageo è un esame che rientra tra gli accertamenti diagnostici che vengono eseguiti in caso di sospetta o accertata aritmia (alterazione...

Come fare le punture intramuscolari?

La puntura intramuscolare, un brutto ricordo Chi di noi non le ha mai subite? Specie da bambini, quando correvamo intorno al tavolo e la mamma,...