martedì, 4, Agosto, 2020

Gli allarmi nei defibrillatori impiantabili

Un suono simile ad una sirena d'ambulanza, un beep beep o una vibrazione proveniente dal defibrillatore impiantato, manda nel panico. Niente paura, è un avvertimento che vuole richiamare l'attenzione del paziente. Vediamo di che si tratta.

Aggiornato al:

Autore:

Categoria:

I moderni defibrillatori impiantabili svolgono la maggior parte delle loro funzioni in modo automatico. Percepiscono l’attività cardiaca, battito a battito, pronti ad intervenire se il ritmo accelera tanto da diventare pericoloso per la vita del paziente. In presenza di aritmie ipercinetiche (tachicardie), prima che possano degenerare, vengono trattate dal defibrillatore attraverso meccanismi automatici che cercano di farle smettere: prima in modo asintomatico per il paziente, poi con l’emissione di una scarica all’interno del cuore che azzera l’attività del cuore per poi farla ripartire con un ritmo regolare. Anche per questo ogni defibrillatore è anche un pacemaker, cioè è in grado di erogare leggerissimi impulsi elettrici capaci di stimolare il battito cardiaco se questo rallenta troppo (→il pacemaker, come è fatto e come funziona).

Gli allarmi nei defibrillatori solitamente indicano misurazioni automatiche fuori norma.

I defibrillatori sono strumenti elettronici molto sofisticati: veri e propri computer in miniatura, e posseggono tutta una serie di funzioni automatiche che verificano il buon funzionamento di tutto il sistema. Misurano la carica della batteria, l’integrità degli elettrocateteri che lo collegano al cuore, le soglie minime necessarie a stimolare il cuore, la qualità dei segnali che provengono dall’attività cardiaca e altri parametri anche complessi. Ebbene, se qualcuna di queste misure dovesse andare fuori dai parametri programmati, ecco che alcuni defibrillatori avvertono il paziente emettendo un allarme.

I pacemaker non emettono alcun suono (tranne qualcuno!)

Non tutti i defibrillatori sono dotati di questa funzione e ad oggi solo una serie pacemaker della S. Jude MEdical. Per cui se avvertite un suono provenire dal pacemaker state certi che si tratta di una “impressione” solamente ed il suono è generato da qualcosa al di fuori, magari dalla TV o dalla strada.
Se invece si tratta di un defibrillatore impiantato, allora questo è possibile. Per chiarezza ecco i tipi di defibrillatori che hanno l’allarme e la tipologia degli allarmi.

Quali defibrillatori e quali allarmi

Medtronic 

Tutti i defibrillatori della Medtronic hanno un allarme acustico. Sono di tre tipologie: uno simile ad una sirena a toni alternati, un suono alternato ed uno continuo. Sono programmabili dall’operatore perché suonino una volta al giorno ad un orario prestabilito.
L’allarme entra in funzione secondo come viene programmato.
1. Per parametri automatici importanti misurati fuori norma;
2. Per mancata trasmissione (se si è monitorati in remoto col trasmettitore dedicato);
3. Per raggiungimento del momento della sostituzione (con un anticipo di circa tre mesi dalla scarica effettiva).
4. Per episodi prolungati di Fibrillazione atriale;
5. Per superamento della soglia di liquidi nei polmoni (optiVol)
NB. L’allarme si attiva se si entra in vicinanza con un magnete (cassa di altoparlante, telefono cellulare poggiato sul dispositivo o altro) e smette appena ci si allontana. Non significa niente e non danneggia il dispositivo.

Boston Scientific

Tutti i defibrillatori della Boston Scientific hanno anch’essi un allarme acustico. Anche i defibrillatori sottocutanei (tipo Emblem). Il suono è davvero impercettibile per cui bisogna essere in un luogo silenzioso ed avere un buon udito (attenzione ai parenti se il paziente ci sente poco). L’allarme produce un beep beep continuo.
C’è poco da programmare perché è previsto solo in presenza di misure fuori norma della integrità degli elettrocateteri o al raggiungimento del momento della sostituzione.

Abbott (S. Jude Medical)

I defibrillatori della S. Jude hanno tutti un allarme, ma non è acustico! Si tratta di una vibrazione del dispositivo: come quella di un telefono cellulare. Si sente, naturalmente sotto la pelle e dura circa 6 secondi. Si ripete ogni 10 ore per 4 volte, semmai accadesse di notte mentre il paziente dorme.
I motivi per cui debba entrare in funzione sono programmabili e solitamente riguardano:
1. Il raggiungimento del momento della sostituzione;
2. Parametri importanti fuori norma;
3. Episodi prolungati di fibrillazione atriale
4. Altre diagnostiche.

Biotronik, Microport (ex Livanova, Sorin Group, Ela Medical)

I defibrillatori di queste Aziende sono altrettanto affidabili e sicuri, ma non hanno alcun allarme. Per cui se avete la sensazione di avvertire qualcosa che suona, guardate fuori!

Cosa fare se si avverte un allarme che proviene dal defibrillatore?

Innanzitutto non lasciarsi prendere dal panico! Nessuna paura: è solo un avvertimento.
Come abbiamo visto nella maggior parte dei casi si tratta di misure fuori norma. Giustamente il sistema va controllato al più presto. Si possono seguire più direttive.
1. Se si è in possesso del trasmettitore per il controllo remoto (da casa), allora è bene inviare una trasmissione manuale e chiamare il Centro che se ne occupa e seguire le istruzioni che si ricevono (ovviamente negli orari di ambulatorio).
2. Recarsi prima possibile al Centro dove viene controllato il defibrillatore (in orario di ambulatorio). La stessa mattina o il giorno dopo, va bene lo stesso.
3. Recarsi in un Pronto Soccorso se l’allarme si associa a qualunque tipo di malessere.

A questo punto credo che sia tutto chiaro. Se non lo hanno ancora fatto, quando vi recate in ambulatorio per il controllo di routine del defibrillatore, chiedete all’operatore di farvi sentire l’allarme di modo che familiarizzate con il suono o la vibrazione.
Se invece avete domande da fare… a disposizione.

Saverio Schirò
Infermiere – Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione
Cardiologia – ARNAS – Ospedale Civico – Palermo

Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo!

Rimani sempre aggiornato, seguici...

305FansMi piace
Saverio Schirò
Saverio Schirò
Infermiere esperto in Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione, curatore del Sito.

6 Commenti

  1. Buongiorno, a mia madre è stato impiantato un pacemaker della St. Jude Medical e abbiamo avuto l’impressione di sentire un debole trillo provenire dal dispositivo. Non siamo riusciti a parlare col cardiologo che l’ha impiantato, ma l’infermiere di turno ha detto che non è possibile. Nell’attesa che mi risponda il medico, desideravo sapere qual è la linea provvista di allarme acustico. Grazie

    • Buongiorno Ornella, per una risposta certa ho bisogno di conoscere il modello del pacemaker.
      Nella norma i pacemaker non hanno alcun allarme acustico, tranne una serie di alcuni anni fa, proprio della S. Jude Medical.
      Rimango in attesa…

  2. Ho impiantato un defibrillatore Boston Scientific dopo un infarto ,stanotte per almeno 3 volte sono stata svegliata da un beep ripetuto che cessava pochi secondi dopo essermi alzata? Cosa significa?

    • Buongiorno. Il beep, nei defibrillatori della Boston Scientific indica un allarme che può interessare la batteria o l’integrità degli elettrocateteri.
      Dunque nulla che riguarda il cuore o la salute del paziente. Tuttavia suggerirei di fare interrogare il dispositivo al centro dove è stato impiantato per essere certi del suo corretto funzionamento.

  3. Ho impiantato un defribrillatore Boston Scientific ,stavo veramente bene e nonostante i miei 80 anni circa facevo molta attivita’ senza mai forzare.Dopo una riprogrammazione sono stato male un mese (tachicardie con un modesto movimento, 120 venti battiti ).Riprogrammato un’altra volta , ora anche con movimento (passeggiata veloce o in montagna)il battito non si sposta minimamente da come e’ programmato (60 battiti minuto)Chiedo, e’ possibile un aumento anche modesto ma adeguato all’attivita’che faccio?Ringrazio infinitamente della possibilita’di avere questa informazione.

    • Carissimo Franco, il programma che regola la frequenza a seconda del movimento si chiama “Rate Responsive”. Si attiva se la frequenza del paziente tende ad essere bassa per cui il pacemaker o il defibrillatore prevale nella stimolazione. Da quello che mi dici, è possibile che il programma prima attivato, è stato successivamente spento. Il vantaggio di questo sistema di programmazione è che si può regolare nella risposta al movimento: esattamente quello che chiedi. Ovviamente si tratta comunque di una risposta artificiale, tuttavia si può provare con diverse regolazioni, quindi dovresti recarti al Centro ambulatoriale per verificare la corretta programmazione.
      Spero di avere risposto alla tua domanda

Rispondi a Terrosi laura Cancella la risposta

Scrivi il tuo commento
Scrivi il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare...

Come disintossicarsi in maniera naturale: acqua, zenzero e limone, benefici e proprietà

Fresca, drenante, disintossicante, una bibita fatta da acqua, zenzero e limone è un'ottima ricetta per la salute. Zenzero e Limone: scopriamo insieme alcune delle loro proprietà Lo...

Le regole dell’attrazione: alla ricerca del partner ideale

Le ragioni che spingono le persone ad entrare in relazione sono davvero tantissime come insegna l’esperienza. Certamente se vivessimo solo al chiuso della nostra...

Lo Screening per la prevenzione dei tumori: chi, quando e dove eseguirli

Cosa è lo screening? Lo Screening è un intervento pianificato di salute pubblica che invita gruppi di popolazione apparentemente sana a sottoporsi a specifici test diagnostici, allo...

Vittimismo cronico, ovvero la tendenza a lamentarsi di tutto e di più

Ognuno di noi sicuramente ha sperimentato un comportamento da vittima nella propria vita o si è imbattuto in qualcuno con atteggiamenti vittimistici. L'atteggiamento vittimistico affonda...

L’epicondilite che cos’è e come si cura

L’epicondilite è un’infiammazione dei tendini che vanno a lavorare sul gomito, in particolare sull’epicondilo laterale. È una infiammazione dolorosa conosciuta anche come gomito del tennista,...

Psicologia positiva: un percorso di miglioramento personale

Quando ero ragazzo già ero innamorato della psicologia. Mi piaceva leggere libri che ne parlavano. Mi piaceva l’idea di “capire” le persone. Aiutarle a...

Normali, in sovrappeso o obesi?

Da cacciatori a sedentari: come è cambiato lo stile di vita I nostri meravigliosi corpi sono stati fatti da madre natura per muoversi, cacciare, procacciarsi...

La carie: come prevenirla

Un’efficace terapia che prevenga la carie non può che partire dalle condizioni generali che la favoriscono. I rischi di carie sono vari, tra cui...