lunedì, 24, Febbraio, 2020

Funghi medicinali: elisir di lunga vita!

Aggiornato al:

Autore:

Categoria:

Per secoli, i funghi sono stati usati sia in cucina sia come medicina in diverse parti del mondo. Si stima l’esistenza di circa 14000 diversi tipi di funghi dei quali sono il 10% delle specie sono state descritte. Solo circa 2000 di essi sono commestibili. Come cibo, i funghi sono in tutto il mondo apprezzati per il loro gusto e sapore, sia freschi che trasformati.

Valori Nutrizionali
Prevalentemente sono costituiti da circa il 90% di acqua. Il restante 10% è a sua volta rappresentato dal 10-40% di proteine, 2-8% di grassi, 3-28% di carboidrati, 3-32% di fibre, vitamine (tiamina, riboflavina e acido ascorbico) e minerali (potassio, calcio, magnesio, selenio, ferro, zinco).
Numerosi sono gli studi che affermano che il consumo regolare di funghi o, meglio ancora, delle loro componenti bioattive da essi estratte, apportano benefici alla salute tanto da essere classificati come alimenti funzionali o nutraceutici. Questo sta a significare che possono avere un ruolo nella prevenzione e nel trattamento di alcune patologie senza causare alcun effetto collaterale.

funghiGanoderma lucidum
Non sorprende che il Ganoderma lucidum (Reishi) è uno dei funghi medicinali maggiormente studiati. Questo fungo possiede 1,8% di ceneri, 26-28% di carboidrati, 59% di fibre, 7-8% di proteine costituite da tutti gli amminoacidi, in particolare lisina e leucina. Lo scarso contenuto in lipidi, ma l’alta percentuale in acidi grassi polinsaturi fanno si che il G. Lucidum sia un valido aiuto per il mantenimento dello stato di salute del nostro organismo. Da questo fungo sono state isolate circa 400 sostanze chimiche molte delle quale agiscono positivamente su diversi organi preservandone la corretta funzionalità. Polisaccaridi, terpeni, petidoglicani, sono infatti le principali molecole bioattive capaci infatti di svolgere un’azione positiva. Peculiare è l’elevata capacità antiossidante alla quale si deve ad esempio l’effetto protettivo e disintossicante sul fegato. Il profilo di triterpeni contenuti nel Ganoderma lucidum permette di contradistinguere questo fungo medicinale da altre specie; in particolare, l’acido ganoderico in esso contenuto, secondo recenti studi, si è visto essere in grado di inibire l’attività della beta-glucuronidasi, un indicatore dell’alterata funzionalità epatica. I terpeni inoltre, abbondantemente contenuti anche nel rosmarino, ginseng, ginko biloba, hanno anche un alto potere antiinfiammatorio, antitumorale e ipolipidico.

Ganoderma lucidum e Obesità
L’obesità sappiamo essere associata ad uno stato infiammatorio dell’organismo Il soggetto obeso in genere possiede prevalentemente una condizione di insulinoresitenza, disbiosi intestinale, sindrome da apnea notturna, steatosi epatica, una elevata possibiltà di insorgenza di diabete di tipo II e malattie cardiovascolari. Certa è l’azione antidiabetica del Ganoderma Lucidum, ma recenti studi stanno dimostrando anche come estratti di questo fungo siano in grado di contribuire alla riduzione dello stato infiammatorio e della resistenza insulinica. Allo stesso modo, studi su cavie, hanno chiaramente verificato che le queste stesse sostanze bioattive sono in grado di modificare positivamente la flora batterica intestinale alterata da una scorretta alimentazione e dalla stato infiammatorio causato appunto dall’obesità. Inoltre, lo stesso estratto fungino si è visto contribuire all’integrità della barriera intestinale.

Riflettiamo
Certamente, la condizione di sovrappeso e di obesità e tutte le alterazioni organiche che ne conseguono, non possono essere risolte assumendo semplicemente estratti fungini, ma ciò che è certo e gli studi lo dimostrano, è che in un percorso di educazione alimentare che permette la riconquista di uno buono stato di salute psicofisico, l’utilizzo di molecole bioattive di origine fungina può certamente rappresentare un valido aiuto.

Dr.ssa Valentina Schirò
Biologa Nutrizionista
Specialista in Scienza dell’Alimentazione
https://www.facebook.com/AGPMT/

Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo!

Rimani sempre aggiornato, seguici...

304FansMi piace
Valentina Schiro
Valentina Schiro
Biologa Nutrizionista. Specialista in Scienza dell’Alimentazione. IMPORTANTE!: I contenuti dell'articolo hanno uno scopo esclusivamente informativo e non sostituiscono in alcun modo l’intervento o l’opinione del medico o la sua diagnosi in relazione a casi concreti. Conseguentemente si consiglia in ogni caso di contattare il medico di fiducia.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Scrivi il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare...

Psicologia positiva: un percorso di miglioramento personale

Quando ero ragazzo già ero innamorato della psicologia. Mi piaceva leggere libri che ne parlavano. Mi piaceva l’idea di “capire” le persone. Aiutarle a...

Donazioni di organi in Sicilia

Grazie ad un protocollo aumentano le donazioni di organi in Sicilia La donazione degli organi è uno dei gesti che più onorano la persona nei...

I 6 grandi benefici della frutta secca

Con tutte quelle calorie? Con tutti quei grassi? EBBENE SI!! Ed è la controprova di quanto sia insensato mettersi a dieta facendo computi energetici che...

Come si misura la pressione arteriosa

Quanto è la pressione arteriosa normale? Non esiste una misura fissa della pressione arteriosa perché ognuno di noi ha una pressione molto variabile nel corso...

Laserterapia ND: YAG antalgico per eccellenza

La Laserterapia Ad Alto Potenziale ND: YAG sfrutta le particolari caratteristiche fisiche della luce Laser con lunghezza d’onda di 1064 nm per trasferire energia ai tessuti sofferenti e...

I cellulari fanno male? Cosa dice la scienza

Se ne parla da quando l’uso dei cellulari è diventato intensivo. Molti si sono posti la domanda se usare il cellulare può essere causa...

Subito in forma: l’attività fisica che fa bene

“Se fossimo in grado di fornire a ciascuno la giusta dose di nutrimento ed esercizio fisico, avremmo trovato la strada della salute”. Sapete chi l’ha...

Unghia incarnita, una piccola seccatura da non sottovalutare

Si definisce onicocriptosi e non è il titolo del nuovo romanzo di Dan Brown, come la parola cripto potrebbe farci pensare, ma è il...