sabato, 8, Agosto, 2020

Dimagrire… senza soffrire

Mantenere una forma sempre smagliante fa bene alla salute ma anche all'umore. A patto di non essere costretti a sottoporsi a sacrifici insopportabili!

Aggiornato al:

Autore:

Categoria:

Forse anche per questo molti si arrendono e si lasciano andare al loro “pesante destino”… almeno non soffrono!
In realtà, non è così: magari ci si abitua, ma le persone obese sanno di essere viste negativamente ed in più hanno una qualità di vita peggiore.
E chi di noi non ha fatto pensieri ironici guardando una persona “normale” che ha una relazione con una persona obesa?
Per quello che riguarda la salute, poi, i numeri sono devastanti: se in America più di 3 milioni di persone muoiono ogni anno per patologie in qualche modo legate all’obesità o ad una alimentazione disordinata (tumori, malattie cardiovascolari, diabete…), anche in Italia non si scherza se viene calcolato che circa il 44% delle persone adulte è in sovrappeso o obesa. E il Meridione ha la prevalenza sulle regioni del Nord.
Morale della favola: essere in sovrappeso, obesi o semplicemente grassi, non conviene.

Certamente l’eccesso di peso può derivare da squilibri biochimici o da fattori genetici, tuttavia nella stragrandemaggioranza dei casi la causa è legata ad una sovralimentazione.
Quando si interroga un obeso sulla sua alimentazione, la sua risposta classica è:
“Ma io non mangio niente!”
Chiarito il concetto che in Tanzania “non mangiano niente”, si scopre che alla base del sovrappeso vi è innanzitutto una dieta sbagliata, cioè eccessiva rispetto al fabbisogno dell’individuo.
Che fare allora? Come rimediare a questo senso di fame insaziabile che affligge queste persone?
In Rete e nei media in genere vengono pubblicizzati prodotti miracolosi che ti fanno dimagrire (e magari crescere i muscoli o arrotondare il sedere!) ingoiando pillole o intrugli vari o addirittura dormendo.
Non credete ai miracoli! Almeno a questi.
L’altra alternativa è rivolgersi ad un dietologo o ad un nutrizionista che vi proporrà un regime alimentare ad hoc. Solo che a volte è difficile da mantenere. O perché si tratta di una dieta drastica, o perché totalmente differente dalle nostre abitudini alimentari. Per cui la porteremo avanti fra nevrosi e sacrifici immani: tutto pesato, controllato, differenziato: gli amici mangiano la pizza e noi 80 grammi di verdurine, loro un bel piatto di spaghetti e noi 120 grammi di frutta di stagione
Una dieta che, se presa male, non manterremo a lungo, col rischio (assai probabile) di tornare come prima o peggio di prima.

dimagrire3Naturalmente se il sovrappeso è importante, bisogna rivolgersi agli specialisti e tenere conto delle loro direttive, concordando insieme diete e strategie, tenendo conto del nostro stile di vita e delle nostre abitudini alimentari.

Per tutti gli altri, per le persone con un leggero cronico sovrappeso, le donne coi fianchi un tantino smorti e gli uomini con le pance un po’ prominenti e le maniglie dell’amore accentuate, credo che un po’ di informazione e alcuni consigli saranno sufficienti a rimetterli in forma con tante, tante soddisfazioni. Perché a stare bene nel corpo si sta bene anche nella mente e le diete drastiche e i sacrifici impossibili ci rendono invece tristi e nervosi.
Si tratta solo di informazioni e consigli e spetta ad altri specialisti dare le direttive definitive, ma capirci un po’ di più certamente sarà d’aiuto alle persone intelligenti.

Saverio Schirò

Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo!

Rimani sempre aggiornato, seguici...

307FansMi piace
Saverio Schirò
Saverio Schirò
Infermiere esperto in Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione, curatore del Sito.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Scrivi il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare...

Allergia al nichel: un metallo nascosto in materiali insospettabili

Un motivo di frequente accesso presso gli ambulatori di allergologia riguarda la sensibilizzazione ai metalli. I pazienti lamentano il più delle volte delle lesioni...

La Stevia, una pianta da coltivare a casa e usare al posto dello zucchero…

È ancora poco pubblicizzata, ma di questa pianta ne sentiremo parlare ancora. Ci riferiamo alla Stevia, una piccola pianta originaria dei Paesi latino-americani dove...

Vivere con la sindrome di Brugada

Se hai avuto diagnosticata la sindrome di Brugada o si sospetta che tu o un tuo familiare la abbia, capisco che sarai nella confusione...

Antibiotici a rischio sconsigliati dalle Agenzie del farmaco: ecco quali sono

Da più di due anni, l’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) ha avviato un controllo sui fluorochinoloni e chinoloni, una classe di antibiotici ad...

Prevenzione del Tumore colon-rettale, un semplice gesto può salvarti la vita

Quando si parla di cancro vengono i brividi, i numeri sono impressionanti e in questi ultimi tempi il fenomeno sembra tornato in primo piano:...

L’osteoporosi: fattori di rischio, prevenzione e rimedi

L’osteoporosi è una malattia  dello scheletro, caratterizzata da una ridotta massa ossea e dal deterioramento della microarchitettura del tessuto osseo, con aumento della fragilità e predisposizione alle fratture,...

I radicali liberi: sono davvero così dannosi per il nostro organismo?

Cosa sono i radicali liberi? Sono sostanzialmente prodotti di scarto dei normali processi biochimici che si compiono continuamente nel nostro organismo per trasformare in energia...

Salute & Benessere, come stare bene con se stessi

Curarsi vuol dire prendersi cura di sé. Perché la salute non è l'assenza della malattia ma un modo di stare bene con te stesso....