domenica, 25, Ottobre, 2020

Caldo, come evitare malesseri

Altra estate calda in tutt’Italia, specialmente al sud.Il termometro, come al solito, sale e le città urbane saranno quelle più colpite.Il caldo lo soffriamo un po’ tutti, ma è chiaro che sono fortemente a rischio tutte quelle persone che partono svantaggiate perché anziane, ancora peggio se ammalate.

Aggiornato al:

Autore:

Categoria:

Una corretta prevenzione e un adeguato stile di vita sono il primo passo fondamentale per contrastare il caldo estivo che ci accompagna fino alla metà di settembre, e oltre se abitiamo al Sud. Senso di spossatezza, stanchezza e sonnolenza sono i sintomi che accompagnano la perdita di liquidi e sali minerali dovuti al caldo. Bere tanto, eventualmente integrando il potassio e il magnesio; mangiare molta frutta e verdura e vestirsi leggeri sono regoli basilari che dobbiamo adottare tutti quanti, indipendentemente dalla nostra età e dallo stato di salute, ma ancor di più pensiamo ai nostri genitori, nonni, amici e parenti in età avanzata o in precarie condizioni di salute.
Sono raccomandazioni semplici, diramate dal Ministero della Salute e dalle unità di protezione civile in tutte le città. Mettiamole in pratica per salvaguardare noi e i nostri cari.

anziani che soffrono il caldoChi è più a rischio?

Durante le ondate di calore sono l’età avanzata, in particolare per le donne di età superiore ai 75 anni che vivono da sole. Chi soffre per patologie croniche e disabilitanti come quelle cardiovascolari, il diabete, l’insufficienza renale e respiratoria, la malattia di Parkinson e quella di Alzheimer, la febbre in genere, dovrebbero fare ancora più attenzione.
A questi fattori di rischio, vanno aggiunti la malnutrizione calorico-proteica e l’uso di farmaci. Non dimentichiamoci, inoltre di tutte quelle persone che per l’incapacità cognitiva o sociale, non sono in grado di adottare misure idonee e accorgimenti per proteggersi dal caldo eccessivo.

Generalmente sono più a rischio soggetti che vivono in appartamenti ai piani alti…

Gli individui senza fissa dimora, coloro che svolgono attività o lavori in posti caldi o all’aperto e compiono sforzi fisici rilevanti sono i più esposti.
Il ministero della Salute suggerisce delle semplici regole comportamentali in grado di limitare l’esposizione alle alte temperature, di facilitare il raffreddamento del corpo e di evitare la disidratazione, riducendo i rischi nelle persone più fragili.

Innanzitutto, è preferibile evitare di uscire nelle ore più calde della giornata…

Che vanno dalle 11.00 alle 18.00. Se si esce in questa fascia oraria non si deve dimenticare di proteggere il capo con un cappello di colore chiaro e gli occhi con occhiali da sole, proteggendo, inoltre, la pelle dalle scottature con creme solari ad alto fattore protettivo.
Sia in casa che all’aperto, è preferibile indossare abiti leggeri, non aderenti, preferibilmente di fibre naturali per assorbire meglio il sudore e permettere la traspirazione della cute.

Occorre rinfrescare l’ambiente domestico e di lavoro…

Schermando le finestre esposte al sole utilizzando tapparelle, persiane, tende, ecc.. Se possibile chiudere le finestre durante il giorno e aprirle durante le ore più fresche della giornata (la sera e la notte).
Se si utilizza l’aria condizionata, ricordatevi di adottare alcune precauzioni per evitare conseguenze sulla salute ed eccessivi consumi energetici: utilizzarla preferibilmente nelle giornate con condizioni climatiche a rischio; regolare la temperatura tra i 24°C – 26°C; coprirsi nel passaggio da un ambiente caldo ad uno più freddo; provvedere alla manutenzione e alla pulizia regolare dei filtri; evitare l’uso contemporaneo di elettrodomestici che producono calore e consumo di energia.

Bagni e docce con acqua tiepida… 

Bagnarsi spesso viso e braccia con acqua fresca, per ridurre la temperatura corporea. ponendo in caso di temperature molto elevate un panno bagnato sulla nuca. Inoltre, è preferibile anche evitare di praticare all’aperto attività fisica intensa o lavori pesanti nelle ore più calde della giornata.

Bere con regolarità ed alimentarsi in maniera corretta… 

donna che beve

Preferibilmente con cibi leggeri e ad alto contenuto di acqua (frutta e verdura), dissetandosi con almeno 2 litri di acqua al giorno (salvo diversa indicazione del medico curante). Gli anziani devono bere, anche se non ne sentono il bisogno e non dimentichiamoci dei nostri bambini! Evitare di bere alcolici, limitando l’assunzione di bevande gassate o troppo fredde.

In automobile…

Se si entra in un’auto parcheggiata al sole, prima di salire, aprire gli sportelli, poi iniziare il viaggio a finestrini aperti o utilizzare il sistema di climatizzazione.
Prestare attenzione nel sistemare i bambini sui seggiolini di sicurezza, verificando che nonbambino nel seggiolinosiano surriscaldati. Quando si parcheggia la macchina, non si devono lasciare mai, nemmeno per pochi minuti, persone o animali nell’abitacolo.

Come comportarsi con i medicinali?

Qui puoi leggere le indicazioni dell’AIFA (Agenzia Italiana del farmaco) sul come gestire i farmaci in estate, in sintesi bisogna tenere presente poche semplici regole: leggere attentamente le modalità di conservazione riportate sulle confezioni dei farmaci e di conservare i medicinali nella loro confezione, lontano da fonti di calore e da irradiazione solare diretta. In questo senso, è d’obbligo conservare in frigorifero i farmaci, per i quali è prevista una temperatura di conservazione non superiore ai 25-30°CIn caso di problemi, è necessario segnalare al medico qualsiasi malessere, anche lieve, che sopraggiunga durante la terapia farmacologica, senza sospendere mai di propria iniziativa la terapia in corso nel caso delle persone con patologie croniche.

Se possibile, nei periodi prolungati di caldo intenso, occorre prestare attenzione a familiari o vicini di casa anziani, specialmente se vivono da soli e aiutarli a svolgere alcune piccole faccende, come fare la spesa, ritirare i farmaci in farmacia, ecc.
L’estate è bellissima ma cerchiamo di non guastarla con malesseri e incidenti evitabili.

Saverio Schirò

Pflegestufe beantragen: Was im Begutachtungsverfahren zu beachten istFonte: Ministero della Salute

Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo!

Rimani sempre aggiornato, seguici...

309FansMi piace
Saverio Schirò
Saverio Schirò
Infermiere esperto in Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione, curatore del Sito.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Scrivi il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare...

Tutti in bici: 10 ragioni per pedalare!

Qualsiasi specialista, o medico in genere, il primo consiglio che dà al paziente, è che una bella camminata è salutare. Tuttavia, uso della bicicletta...

Che cosa è il Kuzu?

Che cosa è il kuzu?  E’ semplicemente un amido facilmente digeribile, estratto dalle radice di una pianta rampicante che cresce in modo particolare in Giappone. ...

L’impianto di pacemaker

Buongiorno Saverio. Mio nonno è caduto ma al Pronto soccorso non hanno riscontrato nessuna anomalia cardiaca. Per sicurezza gli hanno fatto fare un elettrocardiogramma...

L’equitazione come gioco, il cavallo come terapia

Il potere terapeutico degli animali è riconosciuto ormai da tempo. Il contatto con un animale come il cavallo, libero ed imprevedibile, ha da sempre...

Le relazioni “tossiche” fanno male alla salute

È scientificamente provato che le relazioni tossiche hanno un impatto sul nostro sistema neurobiologico. Basti pensare che la psicoterapia (ovvero una relazione terapeutica tra...

La rinite allergica

La rinite allergica è un disturbo abbastanza diffuso, fastidioso per chi ne soffre e dispendioso in termini di spesa sanitaria. Il medico specialista allergologo formula una...

I 6 grandi benefici della frutta secca

Con tutte quelle calorie? Con tutti quei grassi? EBBENE SI!! Ed è la controprova di quanto sia insensato mettersi a dieta facendo computi energetici che...

Strategie per combattere l’Emicrania

Può essere un vero e proprio tormento. Colpisce oltre sei milioni di italiani e compare soprattutto tra i 15 e i 55 anni, manifestandosi...