domenica, 19, Gennaio, 2020

A cosa serve l’impianto di un defibrillatore?

Il defibrillatore impiantabile (ICD) è un dispositivo capace di riconoscere ed interrompere aritmie cardiache maligne, cioè pericolose per la vita. Ecco in quali casi viene impiantato.

Aggiornato al:

Autore:

Categoria:

Buongiorno Saverio,
a mio padre (85 anni) precedente IMA nel 2004, 2 angioplastiche stesso anno, 1 angioplastica febbraio c.a., scompenso cardiaco, insufficienza ventricolare sx, aneurisma aorta addominale (4,6) ipotensione, BPCO , è stato impiantato 40 giorni fa un defibrillatore (Biotronik Rivacor 7 VR -T) perché presentava aritmie maligne e pause lunghe. Quindi rischio morte improvvisa.

Il Centro presso cui è stato eseguito l’impianto lo ha dimesso senza spiegarci granché.
Dall’impianto a oggi, c’è stato un lieve miglioramento per quanto riguarda affanno e pressione arteriosa. Continua a lamentare sensazione di svenimento, persiste il pallore e la debolezza. Al primo controllo l’impianto è risultato a posto e, ci è stato detto, non è entrato in funzione neanche una volta. Non so, è come se io rilevassi discordanza tra quello che si è, giustamente, evinto dal controllo, e quello che io vedo osservando mio padre, che conosco bene e seguo da sempre nella sua malattia.
Mille dubbi e domande affliggono noi familiari. L’ignoranza in materia non ci aiuta per niente.
Vorrei gentilmente chiedere, in linea di massima, cosa aspettarsi per il futuro. Da due anni a questa parte è stato ospedalizzato più e più volte per scompenso cardiaco.
Questo impianto, servirà a migliorare la sua situazione in toto? In termini di qualità e quantità di vita intendo, oppure servirà a cosa, rispetto a cosa?
Chiedo scusa nuovamente per l’ ignoranza e ringrazio anticipatamente per la risposta.
Tina

Carissima Tina,
ti rispondo volentieri anche se purtroppo non potrò darti buone notizie.
Da quello che mi scrivi, il problema di papà è l’insufficienza cardiaca con relativo scompenso cardiaco di cui soffre. Se vuoi saperne di più su questa patologia puoi vedere il mio articolo “Insufficienza e scompenso cardiaco”.
In pratica, l’infarto e la cardiopatia ischemica mai risolta (le angioplastiche di cui ha avuto bisogno indicano che le coronarie tendono ad ammalarsi restringendosi) hanno danneggiato il suo cuore che ha perduto la forza di contrarsi a sufficienza. Puoi avere conferma dall’esito dell’ecocardiogramma in cui sicuramente potrai notare che il parametro FE o EF sarà ridotto al di sotto del 35% a fronte di valori normali che si aggirano intorno al 60% (è la frazione di eiezione che indica appunto la capacità contrattile del ventricolo sinistro).
I sintomi sono quelli da te descritti: stanchezza, difficoltà respiratoria, debolezza… Peggiorati dalla broncopatia cronica che sicuramente non aiuta.
L’insufficienza cardiaca in questi casi non si può curare. Le terapie con i farmaci aiutano a mantenere uno stato di relativa salute migliorando il senso di benessere. Naturalmente è bene affidarsi ad un Centro cardiologico per lo scompenso cardiaco.

E il defibrillatore perché? Mi chiedi.
Un cuore scompensato, con una frazione di eiezione ridotta, incorre in un certo rischio di aritmie maligne (→ tachicardie ventricolari) che possono essere letali. Per questo motivo si impianta un defibrillatore. L’ICD monitorizza i battiti cardiaci e interviene stimolando il cuore se il battito rallenta (funzione pacemaker) e mettendo in atto altre funzioni per interrompere aritmie riconosciute a rischio (funzione defibrillatore). In questo caso può erogare uno o più shock elettrici per “resettare” il ritmo cardiaco.
Dunque questo tipo di defibrillatore non aiuta a migliorare la malattia, ma salva la vita se è necessario.
Ai controlli, si verificherà che il sistema funzioni e che non ci siano stati episodi aritmici con o senza intervento dell’ICD. Per questo ti è stato detto che non è intervenuto, e meno male.

Per cosa aspettarti nel futuro nessuno può dirlo. Si tratta di una malattia subdola che può essere solo controllata negli effetti e nei sintomi. Importante è attenersi scrupolosamente alle indicazioni dei medici che lo seguono, non sospendere la terapia e sottoporsi agli esami di routine. Poi vita tranquilla, dieta equilibrata, riposo, e se possibile brevi passeggiate evitando di stancarsi inutilmente.

Spero di avere risposto in maniera esauriente, ma per qualsiasi dubbio scrivimi quando vuoi.

Saverio Schirò

Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo!

Rimani sempre aggiornato, seguici...

301FansMi piace
Saverio Schirò
Saverio Schirò
Infermiere esperto in Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione, curatore del Sito.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Scrivi il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare...

La cardioversione elettrica

La Cardioversione Elettrica è una manovra strumentale eseguita con il defibrillatore. In casi di urgenza, in occasione di arresti cardiaci da fibrillazione ventricolare, può essere necessario eseguirla...

Pilates, molto più di una ginnastica

Che cos’è il Pilates Il metodo Pilates è una forma particolare di ginnastica che mira ad ottenere una armonia e fluidità nei movimenti e ad assumere...

Hai mai letto cosa mangi? L’importanza delle etichette alimentari

L’etichetta alimentare è la carta d’identità di un alimento con la quale il consumatore attento può fare scelte consapevoli. In essa infatti, troviamo informazioni...

Laserterapia ND: YAG antalgico per eccellenza

La Laserterapia Ad Alto Potenziale ND: YAG sfrutta le particolari caratteristiche fisiche della luce Laser con lunghezza d’onda di 1064 nm per trasferire energia ai tessuti sofferenti e...

Le proprietà del carciofo

Il Carciofo è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Composite (o Asteracee). È un ortaggio molto comune nel meridione d'Italia e particolarmente in...

Domande su Pacemaker e defibrillatori

Nel lavoro quotidiano a contatto con i pazienti portatori di pacemaker o defibrillatore, capita spesso di dover rispondere alle tante domande che le persone...

La dieta per combattere il caldo

Una corretta scelta dei cibi ci potrà dare una mano In estate, a causa delle più elevate temperature e del maggior numero di ore trascorse...

Perché ingrassiamo?

Per funzionare come si deve il nostro organismo ha bisogno di una certa quantità di energia che normalmente viene recuperata attraverso l'alimentazione. Quello di mangiare...