Il nuoto, sport per tutte le età

Nuotare è un esercizio aerobico, impegna quasi tutti i muscoli del corpo in maniera globale e funzionale, senza sovraccaricare nessuna parte specifica, perché il corpo stesso si muove in un ambiente rilassante ricettivo. È una delle migliori forme di esercizio e permette di migliorare diverse componenti fisiologiche come la forza e la resistenza cardiovascolare e muscolare.
I benefici di questa disciplina sportiva sono pienamente riconosciuti, poiché favorisce la salute, la longevità e il benessere psicofisico, aiuta a perdere peso senza gravare in maniera dannosa sulle ossa e sulle articolazioni, rassoda la massa muscolare. Inoltre, espande la gabbia toracica, migliora la coordinazione motoria, la funzione cardiaca e respiratoria, riduce la spasticità, combatte la cellulite, riduce gli effetti dannosi dello stress.
Praticato regolarmente fin dalla più tenera età, il nuoto permette uno sviluppo armonico del corpo, tranne nel caso della presenza di scoliosi negli adolescenti dove la sua azione può essere controproducente secondo studi moderni emersi di recente. È, inoltre, un’attività intrinsecamente divertente e allo stesso tempo rilassante, il che non guasta in tempi come quelli moderni, in cui sedentarietà e obesità regnano sovrani. Tanti aspetti positivi quindi che aiutano a scegliere il nuoto come sport o come semplice passatempo da praticare in mare o in piscina, soprattutto quando si tratta di smorzare l’afa e la calura della bella stagione.
Molti sono gli elementi che lo rendono uno “sport speciale” primo fra tutti, la cornice nella quale s’inserisce e che lo caratterizza, “l’acqua”. Galleggiare, lasciandosi cullare dalle onde facendosi sorreggere dall’acqua, permette al corpo di raggiungere facilmente il massimo relax.
Per cominciare a nuotare non c’è limite d’età, perché nuotare bene è possibile a tutte le età anche in quella avanzata. È proprio con gli anziani che si possono raggiungere ottimi risultati e notevoli benefici dalla pratica di questa disciplina sportiva.
Per una pratica di amatoriale, è sufficiente un’ora di nuoto con una frequenza bisettimanale. Questa frequenza si può ampliare a 3 volte la settimana per i ragazzi di 10/14 anni e può arrivare fino a 4 ore al giorno a livello agonistico (mai prima dei 16 anni).
Il consiglio per il principiante o l’agonista è sempre lo stesso, quello di affidarsi ad un bravo tecnico o ad un allenatore che corregga costantemente le tecniche di nuotata. Il “fai da te” forse consente di risparmiare qualche euro, ma spesso può portare ad acquisire impostazioni errate che diventano, poi, difficili da correggere.
Gli stili ufficiali del nuoto sono lo stile libero, dorso, il delfino e la rana, mentre i misti sono la combinazione dei quattro stili ufficiali.
crawlIl Crawl è uno degli stili non ufficiali del nuoto, definito anche il “principe degli stili”, ed è quello principale utilizzato nelle gare a stile libero. In uso fin dall’antichità, è considerato, attualmente, la forma che garantisce all’essere umano di muoversi dentro l’acqua nel modo più efficace ed economico possibile. Ogni stile si compone per la bracciata di due fasi alterne, quella attiva e quella passiva. Nella fase attiva dà propulsione, solitamente si usano le mani come se fossero delle pale e si sbattono le gambe in modo da spingere l’acqua lontano dal corpo, mentre la fase passiva serve a recuperare gli arti. La fase attiva si divide a sua volta in tre fasi, l’appoggio o presa, dal momento in cui la mano entra in acqua fino a quando entra nella fase successiva, la trazione, ovvero la fase in cui la forza esercitata dal nuotatore è prevalentemente orientata parallelamente al suo corpo e la spinta, ossia la fase in cui si lascia indietro la massa d’acqua.
stile ranaLa rana fa eccezione a questa suddivisione, giacché è l’unico stile che non presenta la fase di spinta. Il dorso e le gambe devono essere tenute parallele il più possibile alla superficie dell’acqua, poiché le gambe afflosciate e torso inclinato possono aumentare notevolmente la resistenza dell’acqua.
Oggi, il ruolo del nuoto in ambito terapeutico è stato ridimensionato, poiché è principalmente un’attività ludico-ricreativa e sportiva. Si tratta di uno sport utile per la prevenzione e cura di molte patologie, nella riabilitazione e nella disabilità. Ciò avviene, perché la densità del corpo umano è all’incirca simile a quella dell’acqua, per cui il corpo è sostenuto da questa a vantaggio delle ossa e delle articolazioni. Inoltre, poiché la resistenza al movimento dipende dalla sua velocità, ciò permette una calibrazione degli esercizi in base alle capacità di ciascuno.
Il nuoto conserva una forte valenza nell’autismo, poiché l’attività motoria in acqua offre al bambino un’occasione per sperimentare la sicurezza e la fiducia in un ambiente facilitato dalla ridotta azione della gravità. Una volta superata la paura, l’immersione offre una situazione di rumori ovattati estremamente accattivante per i bambini autistici. L’acqua accoglie, sostiene, culla, diverte, permette di accorciare le distanze tra le persone e stimola l’interesse per nuovi apprendimenti favorendo una progressiva crescita del senso di autonomia.

fonte: www.nellattesa.it settimanale di informazione

CONDIVIDI
Articolo precedenteI cellulari fanno male?
Prossimo articoloAllergia al nichel
Guest
IMPORTANTE!: I contenuti dell'articolo hanno uno scopo esclusivamente informativo e non sostituiscono in alcun modo l’intervento o l’opinione del medico o la sua diagnosi in relazione a casi concreti. Conseguentemente si consiglia in ogni caso di contattare il medico di fiducia.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Scrivi il tuo nome