Farina integrale o raffinata: impariamo a scegliere

Quando acquistiamo la pasta o alimenti da forno notiamo come questi possono essere preparati con diversi tipi di farine: integrale, 0,00. Ma a cosa è dovuta questa differenza? Il tipo di farina usata influisce sull’apporto nutrizionale? Quale farina ci aiuta a stare in salute? Nel mondo i cereali maggiormente coltivati sono: il frumento, il mais, il riso, l’orzo, l’avena, il sorgo e la segale.

Spesso sentiamo parlare di differenze sostanziali tra farina integrale o quella raffinata. Molto dipende dalla differenza dei cereali da cui viene prodotta. La possibilità di coltivazione a diverse condizioni di clima, altitudine e terreni; l’elevata resa del raccolto; la bassa percentuale di umidità del prodotto finale che consente un maggiore tempo di conservazione; una buona capacità di resistenza all’azione dannosa svolta da eventuali parassiti, sono le caratteristiche principali che hanno contribuito alla diffusione delle loro coltivazioni.

paneIl frumento

Tra i cereali, il frumento, è sin dalla Preistoria quello che ha assunto un ruolo di primo piano. Grazie alla sua versatilità è tutt’ora il cereale maggiormente coltivato al mondo e costituisce l’ingrediente base dell’alimentazione mediterranea.
In Italia, le specie di frumento utilizzate sono: il Triticum durum, o frumento duro, la cui destinazione principale è la pastificazione, ed il Triticum aestivum, o frumento tenero, usato per la produzione di pane o di altri prodotti da forno.

Un po’ di anatomia

La cariosside cioè il chicco dei cereali è sostanzialmente formato da tre regioni: la crusca, l’embrione (germe) e l’endosperma. Ogni regione, a sua volta, possiede una sua specifica struttura e composizione chimica.
L’embrione svolge la funzione di fornire principi nutritivi alla pianta durante la germinazione. E’ caratterizzato da un’alta percentuale di proteine, lipidi, zuccheri solubili e vitamine.
L’endosperma è composto, a sua volta, da due strati, quello più esterno, noto come strato aleuronico, ricco in proteine, sali minerali, vitamine ed enzimi. Lo strato più interno dell’endosperma rappresentato dalla cosiddetta mandorla, o albume, è costituita da cellule in cui sono immagazzinati nutrienti importantissimi, come ad esempio l’amido e le proteine.
La crusca è il rivestimento esterno, composto anch’esso da più starti, la cui funzione è quella di proteggere la parte interna del chicco dall’azione dannosa svolta da parassiti, acqua e luce solare. Questo rivestimento esterno è caratterizzato da fibre, antiossidanti, minerali e vitamine del gruppo B.


farina-integrale-riconoscer
L’origine delle farine

Le diverse fasi del processo di macinazione determinano l’eliminazione graduale degli strati esterni della cariosside (crusca, strato aleuronico e germe) ciò, a sua volta, influirà sulla riduzione del valore nutritivo. La macinazione determina infatti la perdita di circa l’80%di fibre, il 70% circa del contenuto in vitamine del gruppo B, il 90% di vitamina E e quasi tutto il contenuto in composti fenolici.  Quindi, tra le raffinate, la farina 00 è quella più povera in fibra alimentare, sali minerali, antiossidanti e vitamine. La giustificazione dell’uso di questo tipo di farina altamente raffinata per la preparazione dei cibi a livello industriale è riconducibile esclusivamente a vantaggi di tipo tecnologico e non nutrizionale. La farina 00 contiene infatti una maggiore quantità di proteine del glutine determinanti nel conferire specifiche caratteristiche viscoelastiche al prodotto; dona uniformità del colore al prodotto finito; inoltre, l’assenza della crusca fa si che questa non interferisca negativamente sulla formazione del reticolo proteico.

I vantaggi dell’integrale

Le farine integrali, dal punto di vista nutrizionale, possiedono una qualità decisamente superiore rispetto a quelle raffinate. Il mantenimento degli strati esterni del chicco, consente una maggiore presenza di nutrienti; alto è infatti il contenuto in: minerali, soprattutto, potassio (337mg/100gr), fosforo (300mg/100gr), calcio (28mg/100gr); vitamine come la tiamina (0.40mg/100gr), riboflavina (0.16mg/100gr) e niacina (5mg/100gr). La ricchezza in fibre rende questa farina utile nel combattere e prevenire il problema della stitichezza, la riduzione del colesterolo cattivo (LDL) e prevenzione del cancro al colon. L’azione sinergica delle fibre e degli antiossidanti (come ad esempio i composti fenolici) naturalmente presenti nelle farine integrali, si è visto essere utile nella prevenzione del processo di invecchiamento cellulare e in alcuni tipi di tumore.

L’assunzione giornaliera di prodotti a base di farine integrali soddisfa inoltre il fabbisogno giornaliero energia che deve provenire dai carboidrati. Altri vantaggi dell’uso giornaliero di alimenti integrali è un maggiore senso di sazietà e un rallentamento dell’assorbimento degli zuccheri. Queste caratteristiche rendono i prodotti integrali un’arma vincente nella cura e prevenzione dell’obesità e del diabete.

Dr.ssa Valentina Schirò
Biologa Nutrizionista
Specialista in Scienza dell’Alimentazione
www.gruppopalermomedica.blogspot.it

Voucher.web (1) dieta

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Scrivi il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.