Attività fisica essenziale per la salute

RACCOMANDAZIONI DELL’OMS SU ATTIVITÀ FISICA E SALUTE

Sul fatto che l’attività fisica faccia bene siamo tutti d’accordo. Tuttavia bisogna registrare, secondo i dati dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), che nel mondo l’inattività fisica è identificata a livello globale come il quarto più importante fattore di rischio per la mortalità. In molti Paesi i livelli di inattività fisica stanno aumentando sempre più, con importanti ripercussioni sulla prevalenza delle malattie non trasmissibili e sullo stato di salute generale della popolazione di tutto il mondo.
Livelli di attività fisica regolari e adeguati:
• aumentano il benessere muscolare e cardiorespiratorio;
• migliorano la salute ossea e funzionale;
• riducono il rischio di ipertensione, malattie cardiache coronariche, ictus, diabete, tumore della mammella e del colon e depressione;
• riducono il rischio di cadute e di fratture dell’anca o delle vertebre;
• sono fondamentali per l’equilibrio energetico e il controllo del peso.

Ma quale tipo di attività fisica bisogna esercitare? Con quale intensità? E quale frequenza?
L’OMS ha redatto una guida per rispondere a queste domande.
Per prima cosa va differenziata la fascia di età. Per i bambini egli adolescenti (fino ai 18 anni) sono raccomandati almeno 60 minuti al giorno di attività fisica, per gli adulti bastano 150 minuti settimanali.
A questi livelli, i benefici derivanti dall’applicazione di queste raccomandazioni sull’attività fisica superano i possibili danni. Per i bambini gli infortuni legati all’attività fisica sono irrilevanti, mentre per gli adulti in 150 minuti a settimana di attività di moderata intensità, il verificarsi di infortuni muscolo-scheletrici sembra essere poco comune. Ovviamente, al fine di diminuire i rischi di infortunio, è opportuno attenersi ad un crescendo di intensità cominciando moderatamente, per progredire solo successivamente e in maniera graduale verso livelli più intensi di attività fisica.

L’attività fisica non va confusa con lo sport.
camminareMentre lo sport è una attività psico-fisica condotta secondo regole codificate, “l’attività fisica” include qualunque movimento corporeo prodotto dai muscoli scheletrici e che consuma energia. Questa definizione include ovviamente lo sport ma anche l’esercizio fisico in genere come altre attività come giocare, camminare, dedicarsi ai lavori domestici o al giardinaggio.

Cosa si intende per attività fisica di intensità moderata e intensa?
L’intensità fa riferimento al ritmo con cui l’attività viene svolta. L’intensità delle diverse forme di attività fisica varia da persona a persona e dipende dallo specifico livello individuale di forma fisica: camminare velocemente, ballare o svolgere lavori domestici possono essere considerati esempi di attività fisica moderata; correre, pedalare e nuotare velocemente o spostare carichi pesanti sono possibili esempi di attività fisica intensa.
Cosa significa accumulare attività fisica nel corso della settimana?
Significa distribuire i tempi dedicati all’attività fisica secondo criteri ragionevoli. Se per i piùperson-842429_640 piccoli risulta abbastanza facile dividere i 60 minuti giornalieri richiesti in due sessioni: 30 al mattino e 30 al pomeriggio, per gli adulti non avrebbe senso “bruciare” i 150 minuti settimanali in una o due sessioni e poi rimanere inattivi per il resto dei giorni. Molto meglio distribuirli in più giorni per esempio 30 minuti quotidiani per 5 giorni la settimana.
Le persone inattive dovrebbero iniziare con livelli di attività fisica limitati per poi aumentarne gradualmente la durata, la frequenza e l’intensità nel corso del tempo. Gli adulti inattivi, le persone anziane e quelle che presentano limitazioni dovute a malattie, adeguando l’attività fisica alle loro capacità residue, trarranno benefici aggiuntivi dalla vita più attiva.

Saverio Schirò

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Scrivi il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.